Fino alla nausea: ancora di scrittura

 

 

writing-828911_1920

 

Insieme al manuale di dissuasione alla scrittura creativa, per compensare, ho preso anche un Master di scrittura creativa.  Ora: io ho più libri di scrittura della scuola Holden, mi sa, ma questo ancora non lo avevo e speravo che mi desse qualche dritta nuova e…

No. Non è vero: sapevo perfettamente di aver già letto tutto il leggibile sulla scrittura: tra libri, blog, consigli a scrittori da chiunque, anche da non scrittori, credo di aver incamerato più info di Google, so perfettamente come dovrebbe essere una trama, come si usa un cliffhanger (ma soprattutto, chi ne abusa, senza fare nomi), ho ripassato le figure retoriche, tutte, so come si fa la scheda di un personaggio, cosa si intende per Domanda Drammaturgica Principale  (DDP, giusto per dare sfogo al mio bisogno di acronimi). Cosa voglio dire? Che la Teoria la so tutta. E la pratica sono altri cazzi.

La pratica, in fin dei conti, consiste in altro. Non sono brava a calcolare quando scrivo, forse perché non sono brava a calcolare e basta, ero più per l’Italiano, a scuola, e infatti sono andata al Liceo Classico. Diciamo così, visto che sto preparando cena: per la scrittura mi comporto come di solito mi comporto in cucina: la ricetta la so, l’ho studiata, so che dovrei usare la bilancia per gli ingredienti, ma non riesco proprio a non metterci qualcosa di mio, un tocco di curry lì, un pizzico di menta là… spesso accade che rovino un piatto (tanto ho poi l’Amico Speciale che è un inceneritore), spesso che il piatto piace solo a me, raramente che il piatto lo gradiscano i più.

Lo chiamo atteggiamento sensoriale. Ovvero, vado a senso, a caso per essere più precisi. Le regole le so, quindi. Ma spesso decido di ignorarle. Non di infrangerle, sia ben chiaro, perché la volontà di infrangere una regola crea, a mio avviso, un artificio ancora peggiore del seguirla pedissequamente. Può andare bene per finezze. Ad esempio, ricordo che una delle regole che ho letto in uno dei vari libri di scrittura era: non iniziate un paragrafo (men che mai un libro) con Il fatto è che. Probabile che incontrerete Il fatto è che spesso all’inizio dei miei articoletti. Lo scrivo per ripicca. Oppure: non usate avverbi. Certamente, rispondo. Non abusate delle metafore. Questa frase è una coltellata al cuore! E via dicendo.

La scrittura è cimitero di regole ignorate. E non certo da me. Io infatti non scrivo, quindi sono salva e non finirò nel X girone dell’Inferno extradantesco nel quale mi rinchiuderebbe il caro Paolo Bianchi: quello degli scrittori dilettanti che hanno pubblicato con Youcanprint.

Ma se la regola è In media res, ditelo al caro Umberto Eco nell’incipit de Il nome della rosa. Per dirne una… niente dialettalismi? Ciao, Gadda, ciao Pasolini.

Ho iniziato il Master lunedì e sono a più di metà. Più di metà di cose che ho già sentito dire, che ho già letto, che ho già incamerato.

La giusta conclusione di questo articolo è che la Teoria non conta davvero. Conta solo continuare a scrivere e tenere duro. Un principiante è solo un dilettante che non ha mai mollato. Eh, stavolta no, non mi ricordo chi lo ha scritto (inizio a perdere colpi con il mio citazionismo.

Perché penso tanto alla scrittura in questi ultimi mesi, mi chiedo invece io?

Perché mi manca. E farei di tutto per riconnettermici, anche rileggere sempre le stesse cose. Ogni giorno. Fino alla nausea.

27 pensieri riguardo “Fino alla nausea: ancora di scrittura

  1. Non ho mai letto un libro o un manuale che spieghi come scrivere. Non ho mai frequentato corsi di scrittura creativa o di altro tipo. Una volta mi sono iscritto a un sito di scrittori megasegaioli che non appena pubblicavi qualcosa ti mitragliavano di menate. Mi sono cancellato dopo una settimana. Scrivo come cazzo mi pare e come cazzo mi piace. E se aggrada a qualcun altro, bene, altrimenti, che si fottano.
    Commento esaustivo su quello che penso dei libri che ti spiegano come scrivere un libro?
    Buona serata…

    Piace a 3 people

      1. Ma figurati: non ti ho letto polemico e non scrivo bene. Io invece apprezzo la tua libertà. Io non riesco ad ottenerla. Forse è qualcosa di atavico che è connesso al mio DNA. Fatico a sentirmi libera

        "Mi piace"

    1. Io sono certosina, Wal, l’Amico speciale me lo dice sempre. Voglio portare l’argomento a conclusione, sapere tutto prima di. Ma alla fine sono libertina come te… ho letto tutto, fatto 2 corsi di scrittura, iscritta a un sito che nemmeno esiste più ora, ad altri, continuo a leggere blog di genere… ma lo faccio solo per me, capisci? Non per migliorare o altro. Solo per tornare lì… per tornare dentro. Meglio di così non so dirlo

      Piace a 1 persona

  2. Voglio confessarti una cosa Moon: quando mi rileggo, un attimo prima della pubblicazione, accendo l’incenso e invoco gli spiriti, per chiedere loro che mio fratello, i miei genitori, la mia fidanzata, i miei colleghi e superiori e i miei amici non leggano mai, mai e poi mai ciò che scrivo. Se hai un manuale di istruzioni per superare questo atavico blocco primordiale, ti prego: inviami il link.

    Piace a 1 persona

    1. Ce ne sono quanti vuoi in giro… sia chiaro: nonostante le buone intenzioni di chi lo fa, nessuno ti insegna davvero. Però frequentarlo ti stimola a scrivere. Almeno, per me è stato così

      "Mi piace"

    1. Ciao Rod, welcome. Devo dire che passare da citazionista incallita a citata è un passo grande, mi catapulta dritta dritta tra le star, proprio dove una brava Moon dovrebbe stare… mi godrò ancora questi 5 secondi, 4, 3, 2, 1… è stato bello, grazie 😊

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...